Il sale è il veleno dei tuoi piatti?

“Sale quanto basta”. Questa è la classica raccomandazione che si trova alla fine di ogni ricetta pescata su internet o da un manuale di cucina. 

Quello che però non ti dicono, è che l’Organizzazione Mondiale della Sanità, consiglia di assumere un massimo di 5 grammi di sale al giorno (un cucchiaino da tè), ma le ricerche dicono che ne assumiamo in realtà il doppio o il triplo!

Questo perché il sale oggi lo si trova davvero in una miriade di alimenti, sia per motivi di conservazione che di gusto. Prova a leggere ad esempio la lista degli ingredienti dei prodotti confezionati che acquisti al supermercato, vedrai che anche dove non te lo saresti aspettato, troverai indicato il sale tra gli ingredienti. 

Se a questo aggiungiamo un “pizzico di sale” come condimento a tutti i piatti che facciamo a casa, è chiaro che è facile sforare di molto il limite consigliato. 

Perché il sale fa male?

Partiamo dal presupposto fondamentale che il nostro organismo ha bisogno degli elementi contenuti naturalmente nel sale per funzionare bene, come sodio e potassio. Quindi il sale non fa male di per sé. 

Il problema è l’abuso che ne facciamo, sia in maniera consapevole ma soprattutto inconsapevole, perché non sappiamo che è contenuto in tantissimi alimenti confezionati, anche in quelli dolci, come le merendine. 

Gli studi ci dicono che un eccesso di sale, è associato alle seguenti patologie: 

  • pressione alta 
  • ritenzione idrica
  • cattiva digestione 
  • insonnia 
  • tic nervosi 
  • malattie renali 
  • stanchezza cronica 
  • perdita di calcio nelle ossa

Sempre secondo L’OMS, tra le modalità migliori per ridurre il sale nella nostra dieta, consiglia  quella di evitare di usarlo come condimento in cucina e addirittura di eliminare la saliera dalla tavola. 

Potrei rischiare una carenza di sodio eliminando il sale come condimento?

Oggigiorno è praticamente impossibile avere una carenza di sodio!

Il sale è presente in un numero così alto di alimenti, che il rischio più probabile è invece quello opposto. 

Questi sono solo alcuni degli alimenti contenenti sodio:

  • Salumi
  • Formaggi
  • Sughi pronti
  • Pesce affumicato
  • Prodotti da forno
  • Snack vari
  • Legumi e verdure in scatola
  • Carne in scatola
  • Frutta secca per aperitivi
  • Acque minerali
  • Molti dolci e merendine
  • Cibi pronti in generale

Il mito del sale rosa dell’Himalaya.

Sempre di più negli ultimi anni, c’è un mito che si aggira tra gli amanti del mangiare bene e del benessere, è il mito del cosiddetto sale “gourmet”, come il sale rosa dell’Himalaya o il sale nero Cipro e dei vari sali marini integrali che stanno spopolando negli ultimi anni (e che costano un’occhio della testa). 

Il mito vuole che queste tipologie di sale considerate più naturali, rispetto a quelli industriali, facciano meno male alla salute o addirittura bene. 

Ma ancora una volta l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha smentito questo mito chiarendo che quello che danneggia la salute, non è la provenienza del sale, bensì il sodio che si trova in tutti i tipi di sale. Quindi può provenire dal mare, dalla montagna o dalla luna, il risultato non cambia per la salute. Perciò, puoi pure risparmiare i tuoi soldi. 

Come insaporire i piatti in modo sano?

“Ok Luciano, mi hai convinto. Il sale è il veleno bianco! Ma quindi mi tocca mangiare piatti insipidi e tristi per il resto della mia vita?”

Se mi fai questa domanda, è perché non sai che la nostra tradizione culinaria, non è fatta di sale, bensì di spezie ed erbe aromatiche. La nostra dieta, ha visto per millenni utilizzare solo erbe e spezie come insaporitori dei nostri piatti. 

L’utilizzo del sale nella nostra cucina infatti, è una cosa relativamente recente, cioè introdotta da quando i metodi industriali di estrazione e lavorazione del sale, sono diventati molto più economici della coltivazione e lavorazione delle erbe e spezie. 

Le erbe aromatiche e le spezie sono il modo migliore per dare sapore ai piatti perché un uso eccessivo non comporta particolari controindicazioni. 

Inoltre, ce ne sono di tantissimi tipi, ognuna con il proprio aroma e sapore. Quindi possiamo avere sempre le erbe e le spezie giuste per ogni tipo di piatto. 

Le erbe aromatiche fanno davvero bene? 

Le erbe aromatiche fanno veramente bene alla salute (non come dicono su alcuni tipi di sale). Più ne mangiamo, meglio è! Perché sono ricche di vitamine, sali minerali ed antiossidanti.

Ma se scegliete erbe aromatiche essiccate, sappiate che questi nutrienti andranno persi per via del processo di essiccazione. 

A meno che non scegliate le erbe essiccate Aromathica che, grazie all’innovativo ed esclusivo processo di essiccazione a freddo, non perdono gli oli essenziali contenenti le sostanze benefiche. 

Per sconfiggere il sale in cucina però, hai bisogno delle erbe giuste.

Se vuoi sostituire in modo efficace il sale in cucina, non potrai mai farlo con erbe poco saporite e profumate. I tuoi piatti ti sembreranno sempre troppo insipidi facendoti tornare alle vecchie e poco salutari abitudini in men che non si dica. 

Questo è il problema delle erbe essiccate, quelle che si consumano maggiormente in Italia, in quanto hanno perso tutto il loro sapore ed odore originario durante l’essiccazione.

Ecco perché Aromathica può essere il tuo alleato ideale per sconfiggere l’abuso di sale. Il nostro metodo di essiccazione a freddo, garantisce erbe saporite e profumate come appena colte, per dare più gusto e profumo ai tuoi piatti in modo salutare e farti dimenticare una volta per tutte il sale. 

A presto.

Luciano

Luciano Internicola

Luciano Internicola

L’amore per la natura e per la mia cara Sicilia, mi hanno portato presto ad accantonare la carriera forense per dedicarmi a ciò che più mi appassiona e riesce a tirare fuori il meglio di me; la valorizzazione dei prodotti della mia terra e aiutare i giovani che si trovano in una posizione di disagio ed emarginazione. Per questo ho creato, assieme ad alcuni soci, attraverso la Onlus Etica, il brand Aromathica, una linea di erbe aromatiche siciliane di produzione biologica e della migliore qualità possibile, grazie all’esclusivo sistema di essiccazione a freddo.

Seguici sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *